Stemma della Provincia di Brescia

Provincia di Brescia

La Provincia, il tuo Network

 
»
 
 
.
»
 
»
 
»
 
»
 
»
 
»
 
»
 
»
 
 
.
»
 
»
 
»
  Eu Road Safety Charter
 
 
 
Campagna 2009
 

"Se caschi, vivi"

La campagna “se caschi, vivi” è stata ideata per i ciclisti, talvolta vittime delle scorrettezze di chi guida veicoli a motore, ma spesso erroneamente convinti di essere esonerati dal rispetto del Codice della Strada e dalle più semplici norme di sicurezza.


In Italia, ad esempio, l’uso del casco in bicicletta non è ancora obbligatorio, come in altri paese europei. E’ necessario quindi insistere perché si cambi mentalità e il casco diventi una abitudine diffusa.


Le immagini della nuova campagna propongono grandi visi capovolti con la dicitura “Se caschi, vivi”, con un gioco di parole che con immediatezza e semplicità fa sintesi linguistica del messaggio. E per dimostrare che cadere in bici può non avere conseguenze così gravi, se indossiamo il casco.


Insomma, muoversi in bicicletta è una piacevole attività quotidiana. E diventa più sicura se adottiamo il casco.

 
LOCANDINE
 
 

Settimana dei ciclisti

L’assessorato ai Lavori Pubblici della Provincia di Brescia, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Familiari e Vittime della Strada, ha chiesto alla Polizia Stradale, alla Polizia Provinciale, alla Polizia Locale di Brescia e all’Associazione Polizia Locale della provincia di Brescia una particolare attenzione ai ciclisti indisciplinati affinché spieghino loro, attraverso un decalogo, le regole da rispettare per “salvarsi la vita”, aldilà dell’infrazione che commettono.

 

Passare col rosso, andare contromano, circolare senza segnalazioni luminose sono comportamenti abituali per molti ciclisti, ma sono vietati dal Codice della Strada e, soprattutto, sono molto pericolosi.

 

DOWNLOAD
 
 

"Mi vedi? Sono motociclista"

Purtroppo ogni anno la bella stagione ed il turismo fanno aumentare il traffico dei motociclisti e in primavera ricomincia puntuale lo stillicidio degli incidenti che vedono coinvolti gli utenti delle due ruote.
L’Assessorato ai Lavori Pubblici, anche su sollecitazione del Consigliere Provinciale Fabio Mandelli, ha, così, ideato una nuova campagna rivolta in particolare agli automobilisti perché prestino maggiore attenzione e rispetto nei confronti dei centauri.
Chi si muove in moto, su uno scooter, ma anche in bicicletta, è tenuto ad un comportamento prudente.
Chi si muove in automobile ha in più la responsabilità di prestare molta attenzione proprio a quanti viaggiano sulle due ruote.
La cartolina, prodotta per ricordare questa semplice ma decisiva norma di comportamento, ha un impianto grafico in cui innumerevoli icone di automobili e automezzi a quattro ruote nascondono quella di un motociclista. Difficile da scorgere, proprio come accade nella realtà.

 

DOWNLOAD